Sesso al cellulare

Sesso al cellulare

Sesso al telefono troieUltimamente sentiamo un gran parlare del fenomeno del sesso al cellulare dal vivo, e di come questo stia dando l’opportunità a molte donne di trovare un impiego e a molti uomini di avere finalmente un’occasione per divertirsi un po’. Si tratta di un vero e proprio business che è andato aumentando nel corso degli anni e a cui vi ricorrono ormai tanto persone che si dichiarano libertine anche nella vita reale, quanto coloro i quali nella vita di tutti i giorni appaiono come “gli insospettabili”. Chi sono questi? Nient’altro che padri di famiglia e mariti apparentemente fedeli, uomini che magari vanno in Chiesa tutte le domeniche e che santificano le feste, abili lavoratori e persone serie e rispettate nella loro cerchia di persone.

899.00.50.40

Solo 93 cents al minuto (iva compresa) da tutti i cellulari!

Uno di questi è Giuliano, un signore che ha desiderato apparire anonimo (per cui considerate Giuliano come un nome puramente fittizio) proprio per non vedersi compromessa la sua immagine di uomo per bene. Lui è infatti uno di quei tanti uomini che di facciata si presentano privi di quasivoglia difetto ma che nella sostanza ha finito col cedere alla tentazione di fare del sesso al cellulare.

“Sì in effetti anche io non ho saputo resistere. A differenza di molti miei coetanei che magari si rivolgono a questi centralini perchè non hanno moglie, o si sentono sfiduciati perchè magari non hanno più un posto di lavoro o non si sentono appagati dalla loro vita sociale, io devo dire che mi ritrovavo a vivere una situazione del tutto diversa. E il mio ricorso a questo servizio è perciò stato motivato da ragioni che nulla avevano a che vedere con quelle diciamo più tradizionali”.

E allora perchè mai, caro Giuliano, hai pensato un giorno di metterti in contatto con il telefono erotico live? In fondo avevi una moglie, dei figli, una casa e tutto ciò hai la fortuna di averlo ancora stretto a te…

“Capisco che ci possa essere un po’ di riluttanza su questo mio “piccolo peccato” ma non crediate che chi ha tutto è automaticamente una persona felice. Probabilmente ci vorrebbe una persona terza per analizzare la mia situazione e capire le reali ragioni per le quali sono finito nella rete delle linee erotiche, ma dal canto mio mi sento di dire che se l’ho fatto è perchè qualcosa mi mancava. E no, non c’entra poi molto mia moglie o le sue “mancanze” a letto. Forse anche questo ha avuto il suo peso dato che non è che avessimo una vita sessuale granché intensa, ma credo ci fosse dell’altro. Come dicevo non so spiegare esattamente cosa, ma percepivo un generale senso di insoddisfazione”.

 

Lo consideri un tradimento quello che hai fatto?

“No, perchè dal momento in cui non c’è rapporto carnale per me il tradimento non si consuma. Avessi voluto tradire la fiducia di mia moglie sarei andato con la prima che mi passava davanti nella vita reale, ma se ho deciso di ricorrere all’espediente del telefono erotico dal vivo è perchè sapevo che avrei fatto affidamento a una sorta di “linea di confine” che mi avrebbe per così dire salvato la coscienza. E poi non crediate che in una realtà di questo genere ci sia solo e soltanto sesso, che ci sia perversione e trasgressione allo stato brado: sicuramente questi sono tratti caratteristici, ma non sono tutto. Io per esempio di sesso al cellulare ne ho fatto veramente molto poco, poiché per la maggiore ho semplicemente fatto due chiacchiere con la telefonista, ci siamo confidati un po’ in segreto, raccontati le nostre vite, i nostri pensieri e le nostre aspirazioni. Non è un lato molto conosciuto di questo mondo, eppure la semplice e innocua conversazione è una componente importante di questo sistema!”.

Che sia stata proprio la chiacchierata a rafforzare la tua vita familiare e sociale? E ora, ricorri ancora a “questi mezzi”?

Probabilmente sì, una gran mano è arrivata proprio da questo mezzo. E no, non sono più in contatto con questi numeri hot perchè ormai mi reputo abbastanza sereno con me stesso e con gli altri. Qualche telefonata ha letteralmente salvato la vita a cui ero abituato e l’ha rispolverata in chiave positiva. Per questo sarò eternamente grato alle ragazze che di volta in volta hanno saputo accogliermi a braccia aperte senza indugi, senza pudore, senza giudizi e con la più totale tolleranza.